Capitolo 1: Una visione di insieme Su  Capitolo 1: Una visione di insieme Sezione 1.2: Trasmissioni numeriche 

1.1  Trasmissione dell’informazione

Per inviare un messaggio informativo da un luogo ad un altro sono coinvolti un discreto numero di apparati differenti e cooperanti, spesso organizzati in rete. La trasmissione può riguardare un messaggio generato al tempo stesso della sua trasmissione, oppure esistente a priori. Il supporto fisico del messaggio, chiamato segnale, identifica due categorie molto generali: quella dei segnali analogici, e quella dei segnali numerici. Nel primo caso rientra ad esempio la voce umana, mentre esempi di segnali numerici sono i documenti conservati su di un computer.
Sorgente, destinatario e canale
L’origine del segnale da trasmettere è indicata (vedi Fig. 1.1↓) come sorgente, di tipo analogico o numerico per i due tipi di segnale. Ciò che giace tra sorgente e destinatario viene descritto da una entità astratta denominata canale di comunicazione, le cui caratteristiche condizionano i messaggi trasmessi.
Distorsioni e disturbi
Il canale può ad esempio imporre una limitazione alla banda di frequenze del segnale in transito[3]  [3] Approfondiremo nel seguito il senso di questa locuzione; per ora è sufficiente interpretarla in termini generici, ovvero di fedeltà della riproduzione al segnale originario.; cause fisiche ineliminabili producono inoltre, al lato ricevente, l’insorgere di un segnale di disturbo additivo, comunemente indicato con il termine di rumore, che causa la ricezione di un segnale diverso da quello stesso presente all’uscita del canale. Pertanto, ci si preoccupa di caratterizzare il canale in modo da scegliere i metodi di trasmissione più idonei a rendere minima l’alterazione del messaggio trasmesso.
Rapporto segnale-rumore
L’entità delle alterazioni subite dal messaggio viene spesso quantificata nei termini del rapporto segnale rumore (SNR o Signal-to-Noise Ratio), che rappresenta un indice di qualità del collegamento stesso, e che per ora definiamo genericamente come il rapporto tra l’entità del segnale utile ricevuto e quello del rumore ad esso sovrapposto, indicato con n nella figura 1.1↓.
Trasmissione
La Fig. 1.1↓a) evidenzia come il canale, nella realtà fisica, è costituito da un mezzo trasmissivo su cui si propaga un segnale di natura elettromagnetica, che viene convertito in tale forma da appositi trasduttori di trasmissione e ricezione[4] [4] Un classico esempio di trasduttore è quello dell’antenna, nel caso di trasmissione radio.. Considerando per il momento i trasduttori come facenti parte del canale stesso, proseguiamo l’analisi concentrandoci sugli ulteriori aspetti del processo di comunicazione.
     a)   figure f1.1.png
    b)            figure f1.2.png
Figura 1.1 Elementi funzionali per la trasmissione dell’informazione
Adattatori
La figura 1.1↑b) evidenzia l’esistenza (in trasmissione, in ricezione od a entrambe le estremità) di dispositivi adattatori, che hanno lo scopo di ridurre od eliminare le cause di deterioramento del messaggio introdotte dalla trasmissione: si può ad esempio ricorrere ad equalizzatori per correggere la risposta in frequenza di un canale, ad amplificatori per contrastare l’attenuazione subita dal segnale, ovvero a codificatori di linea per rendere le caratteristiche del segnale idonee ad essere trasmesse sul canale a disposizione.
Rete
La trasmissione lungo un canale in uso esclusivo alla coppia sorgente-destinazione
figure Network.png
è piuttosto raro; di solito i collegamenti sono condivisi tra più comunicazioni, ognuna con differente origine e destinatario. Il problema della condivisione delle risorse trasmissive, ed il coordinamento di queste attività, produce la necessità di analizzare in modo esplicito le reti di telecomunicazione, che entrano a far parte integrante dei sistemi di trasmissione dell’informazione.
Gli aspetti delle telecomunicazioni brevemente accennati sono immediatamente applicabili a segnali di natura analogica, in cui il segnale è definito per tutti gli istanti di tempo, ed assume valori qualsiasi. Nel caso invece in cui il segnale è definito solo per istanti di tempo discreti e valori discreti, si entra nell’ambito delle trasmissioni numeriche.
  Capitolo 1: Una visione di insieme Su  Capitolo 1: Una visione di insieme Sezione 1.2: Trasmissioni numeriche 
x Logo

Trasmissione dei Segnali e Sistemi di Telecomunicazione

http://infocom.uniroma1.it/alef/libro/

Un esperimento divenuto nel tempo un riferimento culturale. Scopri come effettuare il download, ricevere gli aggiornamenti, e contribuire!