Sezione 12.3: Codifica video Su  Main page Capitolo 13: Prestazioni delle trasmissioni modulate

Parte II. Trasmissione dei segnali

Prefazione alla seconda parte

Dopo aver affrontato lo studio dei segnali, sia di banda base che modulati, aver esaminato gli effetti prodotti sugli stessi dai sistemi lineari e dai disturbi additivi, dopo aver posto le basi della trasmissione numerica di banda base, ed aver approfondito i temi della teoria dell’informazione e della codifica di canale e di sorgente multimediale, in questa parte ci occupiamo di trasmettere le informazioni impresse sul segnale.
Nel capitolo 13↓ si analizza come, e soprattutto quanto, il rumore presente in ricezione influenzi la qualità del segnale demodulato, in funzione della tecnica di modulazione analogica adottata (cap. 10↑), e come la modulazione fm consenta di avvantaggiarsi del compromesso banda-potenza, conseguendo prestazioni migliori a spese di una maggiore occupazione di banda. Al cap. 14↓ le tecniche di modulazione studiate nei capp. 9↑ e 10↑ vengono applicate ai segnali numerici, dando vita ad una vera e propria famiglia di tecniche, impiegate per assolvere alle comuni necessità quotidiane, dal modem adsl alla televisione, dalla telefonia cellulare al WiFi.
Il capitolo 15↓ sviluppa tre argomenti che, anche se marginali rispetto alla trasmissione dei segnali, sono profondamente legati agli aspetti fisici che la caratterizzano: innanzi tutto viene svolta una analisi degli effetti che i circuiti elettrici producono sui segnali in transito; quindi, viene descritta la modalità con cui tenere conto del rumore introdotto dagli apparati, compreso il caso dei collegamenti sviluppati mediante una catena di ripetitori, e infine, si affronta in modo abbastanza approfondito il tema della equalizzazione, ovvero come ovviare agli effetti di distorsione lineare eventualmente introdotta da un canale.
La caratterizzazione dei mezzi fisici di trasmissione, ovvero il cavo in rame, il canale radio e la fibra ottica, viene svolta al cap. 16↓, ponendola nel contesto del bilancio di collegamento, ovvero della valutazione della potenza necessaria a coprire una determinata distanza[554]. Nel caso del canale radio, viene approfondito lo studio delle particolarità che rendono le trasmissioni mobili una sorta di palestra, in cui le basi teoriche discusse nella prima parte dispiegano tutta la loro versatilità, consentendo di ottenere un modello concettuale dei fenomeni, e volgerli a vantaggio dell’esigenza trasmissiva.
  Sezione 12.3: Codifica video Su  Main page Capitolo 13: Prestazioni delle trasmissioni modulate
x Logo

Trasmissione dei Segnali e Sistemi di Telecomunicazione

http://infocom.uniroma1.it/alef/libro/

Un esperimento divenuto nel tempo un riferimento culturale. Scopri come effettuare il download, ricevere gli aggiornamenti, e contribuire!